La sottovariante ha caratteristiche da dominante, perché in grado di legarsi in modo molto efficace ai recettori umani e, quindi, di diffondersi velocemente



Leggi l’articolo su wired.it