I ricercatori dell’università di Queensland, in Australia, hanno messo a punto un metodo in grado di somministrare sottopelle un vaccino a subunità proteica. Secondo i risultati ottenuti sui topi proteggerebbe di più contro omicron e delta



Leggi l’articolo su wired.it