A partire da più di 250 fossili eccezionalmente conservati, i ricercatori dell’università di Toronto hanno ricostruito le caratteristiche di un artropode vissuto nel Cambriano, trovando per la prima volta la presenza di un terzo occhio, forse utile per cacciare le prede



Leggi l’articolo su wired.it