Cinque ex dirigenti della società sono stati condannati in Giappone per non aver assunto le necessarie contromisure per prevenire il disastro del 2011, nonostante le richieste e gli studi del governo e degli azionisti



Leggi l’articolo su wired.it