Grazie a una rete di telescopi terrestri, gli astronomi dell’Università di Liegi hanno identificato due esopianeti a 100 anni luce dalla Terra di cui uno potrebbe presentare condizioni compatibili con la vita



Leggi l’articolo su wired.it