Fonti interne alla società riportano tagli al personale statunitense e posti di lavoro a rischio anche per i lavoratori europei, nell’ambito di una ristrutturazione aziendale



Leggi l’articolo su wired.it