Necessari alla sopravvivenza dei pazienti, sono spesso estremamente cari. Come Zolgensma, somministrato al bambino di Taranto morto per una grave malattia neuromuscolare all’età di tre anni



Leggi l’articolo su wired.it