I servizi di intelligence russa hanno accusato una donna ucraina di aver installato un ordigno esplosivo sotto l’auto di Darya Dugina, sulla quale avrebbe dovuto viaggiare anche il padre. Kyiv respinge gli addebiti



Leggi l’articolo su wired.it