Torture, maltrattamenti, detenzioni arbitrarie, sterilizzazioni forzate, violenze sessuali e di genere. Sono queste le accuse rivolte a Pechino dagli ex prigionieri detenuti nei campi di internamento dello Xinjiang, che le Nazioni Unite reputano credibili



Leggi l’articolo su wired.it