Superate le resistenze all’introduzione di un sistema per editare i tweet, la compagnia ha iniziato i test interni e presto li estenderà agli abbonati Twitter blue



Leggi l’articolo su wired.it