La polizia ha prelevato senza consenso informazioni relative ai donatori di un’organizzazione no-profit, evidenziando le lacune nella protezione dei dati nella più grande democrazia del mondo.



Leggi l’articolo su wired.it