La divisione per genere dei registri elettorali, delle file ai seggi e delle cabine rappresenta un ostacolo al voto delle persone transessuali e non binarie



Leggi l’articolo su wired.it