Per evitare gli errori del passato che hanno rovinato internet e social media, i nuovi ambienti in realtà virtuale dovrebbero avere maggiore attenzione verso i diritti e l’etica



Leggi l’articolo su wired.it