Utilizzando un sistema crittografico di sua invenzione all’interno della notazione musicale, nel 1985 una musicista riuscì a trasmettere informazioni ad artisti e attivisti sovietici



Leggi l’articolo su wired.it