Nella nuova tendenza sul social network gli appartenenti alla generazione Z riflettono sui contenuti che pubblicavano da piccoli tra il divertimento e l’imbarazzo



Leggi l’articolo su wired.it